L'impianto versatile
adatto ad ogni esigenza

kaloa riscaldamento a pavimento kaloa riscaldamento a pavimento
perché scegliere kaloa richiedi preventivo faq area download

LA TERMOREGOLAZIONE

La regolazione dell'impianto a pannelli radianti è l'elemento essenziale per poter assicurare il massimo comfort e il risparmio energetico. Si possono distinguere due principi di regolazione:

  • a punto fisso;
  • climatica.

REGOLAZIONE A PUNTO FISSO

Si tratta del sistema di regolazione più semplice. La regolazione a punto fisso garantisce all'impianto una temperatura del fluido di mandata costante. Il valore viene impostato manualmente attraverso una valvosa termostatica. Il limite maggiore è la necessità, da parte dell'utilizzatore, di dover regolare l'impianto ogni volta che variano le condizioni esterne. Per ridurre questa esigenza si è diffusa la consuetudine di tarare la valvola termostatica sulla temperatura di progetto (uguale alla massima temperatura necessaria nel giorno più freddo dell'inverno) e di montare sui circuiti dell'impianto attuatori elettrotermici comandati da termostati di zona.

REGOLAZIONE CLIMATICA

Si tratta del sistema di regolazione più efficiente e che consente il maggior risparmio energetico. Le regolazioni di tipo climatico permettono di selezionare una curva climatica all'interno di una famiglia di curve, in modo da adeguare la regolazione alle specifiche condizioni di lavoro dei locali dove opera l'impianto.
Fissata la curva climatica, la temperatura di mandata all'impianto viene regolata in modo automatico in funzione della temperatura esterna, adeguando l'apporto di calore al fabbisogno termico dell'edificio, per garantire sempre le migliori prestazioni in termini di comfort.

Si utilizza dunque una centralina elettronica digitale, a cui sono collegate due sonde di temperatura (una di mandata all'impianto e una esterna) ed un servomotore che aziona la valvola miscelatrice. La centralina elabora il segnale della sonda esterna e determina il valore della temperatura di mandata, lo confronta con il valore reale misurato dalla sonda di mandata e, se necessario, agisce sulla valvola miscelatrice.

IL RAFFRESCAMENTO

Ai molti vantaggi dell'impianto radiante usato nel periodo invernale, quali benessere, comfort, risparmio energetico, si aggiunge anche un altro vantaggio: il raffrescamento estivo.

Lo si ottiene convogliando acqua a bassa temperatura all'interno dell'impianto a pannelli radianti con il fine di raffreddare il pavimento e di conseguenza l'ambiente. Il limite alle potenzialità di questo sistema è dato dall'umidità contenuta nell'aria. Quando l'aria umida viene a contatto con una superficie fredda può verificarsi la condensazione delle particelle di acqua in essa contenuta.

Occorre quindi sempre associare all'impianto a pavimento usato in raffrescamento un impianto per il trattamento dell'aria capace di deumidificarla ed evitare che l'umidità condensi sul pavimento. Sempre per questo motivo è importante utilizzare l'impianto a pavimento in sicurezza e veicolare nei circuiti acqua con temperature non troppo fredde (18-20°C).